• massimiliano massimi

Quando l’artificio scenico fa bene.



Neanche un bel vestito alla moda occidentale gli ha consentito di essere ricevuto ad una festa. Non c’era alcuna festa ad accoglierlo e la mamma lo sapeva. Nonostante tutto lo ha fatto.

E’ stato un gesto di grande amore per addolcire le asprezze della dura realtà. Ha inventato una storia a suo figlio, lo ha reso felice, gli ha consentito di resistere con ottimismo al viaggio senza il posto in top class. Sono sicuro, quanto la madre, che la delusione provata dall’ ignaro cucciolo nel non aver ascoltato le note di una fanfara all’arrivo (non scontato e prevedibile), sarà minore della tenerezza che proverà nel ricordare quell’ artificio scenico con cui la madre lo ha sottratto alla disperazione, quando avrà anche lui un dignitoso posto nel mondo. Penso che sia questa la ragione per cui lo ha fatto.

Questa foto mi ha fatto venire in mente quello straordinario film che è “ La vita è bella “ in cui Roberto Benigni ricostruisce agli occhi di suo figlio una nuova realtà soprattutto nella scena della traduzione dal tedesco quando l’imponente e autoritario ufficiale entra nella camerata. Gli racconta di un gioco e gli sottrae amarezza. Intanto è così e va bene così.

Del resto, in questo bellissimo mondo occidentale, non siamo forse ricevuti da uno psicanalista in giacca e cravatta che dietro compenso ci aiuta ad inventarci una nuova realtà per "ristrutturare" e quindi alleggerire il peso di questa ingombrante esistenza occidentale?

#immigrazione #realtà #fantasia #ristruttrazione

0 visualizzazioni
2016 by La Kitchen