• massimiliano massimi

L'inchiesta di "Dataroom" tra disoccupazione e dirigenti che mancano!

Ogni tanto emerge una ricerca che ci indica di quante e quali professionalità le imprese hanno bisogno e che non riescono a trovare. L’indagine della Gabanelli nel suo “Dataroom” di ieri ci propone l’ennesima fotografia impietosa e purtroppo stramaledettamente conosciuta.


La lettura di queste inchieste che sembrano delle novità stratosferiche ogni qualvolta vengono pubblicate, lascia sempre un sentimento di ambivalenza e di confusione, disegnando un paese schizofrenico almeno per quanto riguarda le politiche per il lavoro. Da una parte milioni di disoccupati e inoccupati/inattivi (cioè che hanno perso la fiducia nel trovarlo un lavoro) e dall’altra una pletora di imprese che hanno bisogno di una quantità enorme di professionalità.


La ricerca in questione ci indica che Unioncamere ha appena reso note le richieste di impiego dei prossimi tre mesi a partire da dicembre 2020: 729.000 unità (di cui 191 mila solo a dicembre), dai dirigenti ai tecnici, dagli impiegati fino agli addetti alle pulizie. Ebbene, il 33% (240 mila persone) non si trova.

Per meglio dire, proprio nel momento in cui sto scrivendo ci sono 240.000 posti di lavoro che non riescono a trovare le persone giuste per essere svolti!


Come è possibile? E’ vero?


Sono pronto a credere che molte di queste professionalità non sono reperibili a causa di un malfunzionamento del sistema italiano di incontro fra domanda e offerta di lavoro, a causa di una sbagliata programmazione dell’offerta formativa, a causa di un’errata impostazione delle politiche attive e via discorrendo ma una cosa di questa ricerca mi ha lasciato veramente stupito e perplesso.


Mancano all’appello 1.122 dirigenti.


Addirittura i dirigenti non si trovano?


Ma come, mi chiedo, Linkedin la più grande comunità professional online è piena di epiteti altisonanti quasi tutti in inglese che le persone si assegnano nell’ esplicitare la propria professione e non si dà uno sguardo li per cercare i propri dirigenti?


Ma come, mi chiedo, il mercato è pieno di società anche di livello prestigioso che svolgono l’attività di Head Hunters e non si riescono a selezionare e colloquiare persone interessanti?


Ma che tipo di dirigenti stanno cercando queste imprese?


Mi piacerebbe che lo studio della Gabanelli andasse più in profondità, tanto per capire meglio la job description e il profilo ricercato.


Saluti dalla mia room.

2008 by La Kitchen